pianetadonna.it

Ischemia cardiaca: fattori di rischio, sintomi, cure e intervento chirurgico

Cos’è un’ischemia

Il termine “ischemia” indica una condizione in cui l’apporto di sangue agli organi interni del corpo è ridotto o assente. Il mancato afflusso di sangue danneggia tutti gli organi e i tessuti, riducendone le funzionalità;  i tessuti più colpiti sono quelli del cervello, dei reni, dei polmoni, del midollo, dell’intestino e del cuore.

Cause di un’ischemia cardiaca

L’ischemia cardiaca è provocata da ostruzioni delle arterie coronarie che impediscono il normale passaggio di sangue al cuore. Le cause all’origine del restringimento dei vasi sanguigni possono essere diversi: arteriosclerosi, fumo, cardiopatie, processi degenerativi, tromboembolie, infarti, diabete, tumori, pressione muscolare che comprime i vasi. È utile osservare quali siano i più comuni fattori di rischio.

Fattori di rischio

Alcuni non sono modificabili:

- sesso: gli uomini sono più frequentemente e più precocemente esposti all’aterosclerosi.

- età: con l’avanzare dell’età aumentano le probabilità di ammalarsi e, nelle donne, soprattutto dopo la menopausa.

- familiarità: alcune famiglie sono più predisposte di altre.

Su altri, invece, possiamo intervenire per cercare di prevenire la comparsa della malattia:

- ipertensione: è molto diffusa e purtroppo raramente ben curata. Il paziente spesso non accusa nessun disturbo per cui non si sottopone ad alcun trattamento. Abbassare la pressione arteriosa modificando lo stile di vita e con l’aiuto di farmaci, riduce sensibilmente le complicazioni e le morti causate da questa malattia.

- ipercolesterolemia: a volte è legata ad una alterazione del metabolismo di origine genetica o ad una dieta sbagliata.

- dipendenza da tabacco: tutti conoscono gli effetti nocivi del fumo: bronchite cronica, tumore del polmone ed aterosclerosi. Troppe sono le sostanze tossiche contenute nel tabacco: la nicotina (provoca lo spasmo delle arterie, aumenta il battito cardiaco e la pressione arteriosa), l’ossido di carbonio (si lega ai globuli rossi ostacolando il trasporto dell’ossigeno) ed altre sostanze cancerogene.

- obesità: anche se non si tratta di un fattore di rischio indipendente, l’obesità predispone all’ipertensione, all’ipercolesterolemia, al diabete e a molte altre patologie.

- sedentarietà: lìassenza di una regolare attività fisica favorisce l’obesità e l’aumento del colesterolo, dei trigliceridi, della glicemia e della pressione.

- stress: i soggetti più a rischio di cardiopatie sono quelli che vivono in uno stato di continuo stress e tensione emotiva, ansietà, arrivismo.

Continua la lettura di "Ischemia cardiaca"

Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non costituiscono e non provengono da prescrizione né da consiglio medico. Yourself.it non dà consigli medici.

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com