pianetadonna.it

Veneto, fecondazione assistita: nuovo limite di età a 50 anni per le donne

In Veneto è stata da qualche giorno approvata la delibera della Giunta Regionale di Zaia per l’innalzamento dell’età per accedere alla assistita del Sistema Sanitario Nazionale, 50 anni per le donne, 65 per gli .

La portata emotiva e scientifica di una tale decisione ha già sollevato pareri favorevoli e contrari. Francesca Martini, Sottosegretario alla Salute, ha spiegato che la scelta di aumentare la soglia d’accesso per la procreazione assistita anche alle donne mature, rappresenta una grande prova di civiltà, sostenuta dall’aumentata aspettativa e qualità di vita.

Molte donne, infatti l’accoglieranno favorevolmente. Ma è proprio questo a preoccupare la dottoressa Federica Nenzi dell’Ospedale Oderzo di Treviso, poiché si rischia di far ulteriormente “ingolfare le liste d’attesa e sprecare soldi utili per assistere pazienti più giovani”.

In merito a ciò aggiunge che già in Italia per le donne 43enni che sceglievano la fecondazione assistita non si registravano parti, adesso, i risultati potranno essere ancora peggiori.

La principale finalità della decisione della Giunta Zaia, come mette in evidenza Luca Colletto, Assessore veneto alla Sanità, è di dare rilievo particolare al valore della coppia e di evitare i costosi e a volte inefficaci, anche dal lato etico, viaggi della speranza per accedere alle pratiche della fecondazione.


Commenti (2)

  1. sandra meloni scrive:

    Salve notizia molto interessante come procedere per accedere al servizio?

  2. gico76 scrive:

    certo che politici che parlano di etica ………………..
    Perchè privare a persone di 43 anni di avere figli?

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com