pianetadonna.it

Un vaccino per smettere di fumare: NicVAX, come funziona

Di metodi per ce ne sono tantissimi. C’è chi decide di provare con le  elettroniche (LEGGI), chi invece si affida a una pillola miracolosa (LEGGI) o addirittura agli sms di incoraggiamento (LEGGI).

Tutti sanno però, che alla base è necessario essere convinti di ciò che si fa e avere una grande forza di volontà. La nicotina infatti crea una dipendenza difficile da lasciarsi alle spalle e molto spesso alla minima esitazione ci si ricasca.

Tra qualche settimana tuttavia, questo potrebbe non essere più un problema, in quanto dagli Stati Uniti potrebbe arrivare il primo vaccino per smettere di fumare. Si chiama NicVAX e la sua sperimentazione è ormai giunta alla fase III, l’ultima dell’iter che la Food and Drug Administration prevede prima di autorizzare la commercializzazione di un farmaco.

Ma vediamo come agisce questo vaccino. La nicotina, che inalata si diffonde nell’organismo, ha una struttura molecolare molto piccola, che riesce ad attraversare la barriera ematoencefalica, posta a difesa del cervello e instaurarsi all’interno di quest’ultimo, creando la dipendenza. Gli stessi anticorpi non sono in grado di contrastare le molecole di nicotina per la stessa ragione.

Il NicVAX invece, riesce ad aggregare insieme più molecole di nicotina e ciò fa scattare immediatamente la risposta del sistema immunitario del fumatore. In pratica, ogni volta che si accenderà una sigaretta gli anticorpi neutralizzeranno la nicotina e, secondo gli esperti, dopo 6 vaccinazioni la dipendenza dovrebbe essere definitivamente eliminata.

Il vaccino, creato dalla NABI Biopharmaceuticals, potenzialmente potrebbe essere una delle scoperte più importanti degli ultimi decenni e vedere la sua approvazione entro la fine del mese di settembre.


Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com