pianetadonna.it

Smettere di fumare aumenta il colesterolo buono (Hdl) nel sangue

Sono tanti e ampiamente noti gli effetti negativi che il ha sulla salute. Le possono favorire un numero imprecisato di malattie, dall’infarto ai tumori, ma anche essere responsabili dell’impotenza maschile.

Smettere di fumare per la maggior parte delle persone non è affatto una cosa semplice. Un motivo in più per farlo, arriva da una ricerca di recente pubblicazione, che ha scoperto un ulteriore beneficio che deriverebbe dal dire basta al fumo: l’aumento del colesterolo buono (Hdl) nel sangue.

Alcuni ricercatori dell’Università del Wisconsin hanno monitorato un campione di 1.000 fumatori, uomini e donne, che fumavano un pacchetto di “bionde” al giorno ma avevano deciso di smettere. I soggetti sono stati seguiti durante tutto il complicato “iter”.

Alla fine del periodo di studio, il 36% dei soggetti era riuscito nell’intento e i benefici a livello di colesterolo erano evidenti: nessuna variazione dei valori di colesterolo Ldl (quello cattivo) ma significativo aumento dell’Hdl, stimato in media in un + 2,4 mg/dl.

I benefici di questo aumento hanno importanti conseguenze per la salute. Come spiega Adam D. Gepner infatti, “l’aumento del colesterolo HDL potrebbe tradursi in una riduzione del rischio cardiovascolare. Studi precedenti hanno infatti dimostrato che un incremento pari a 1 mg/dl può ridurre il rischio di eventi come infarti e ictus del 2-3% nell’arco di un decennio”.

Il coordinatore dello studio aggiunge che questa positiva variazione del valore non dipende né da quante sigarette fumavano prima, né dal metodo impiegato per smettere, i benefici valgono per tutti.

Articolo precedente dello Speciale
Insonnia: fumare peggiora la qualità del sonno

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com