pianetadonna.it

Rimedi omeopatici per tosse secca e grassa

La è spesso uno dei primi sintomi dell’influenza. Ne esistono di vari tipi, definiti in base alla presenza o meno di secrezioni e alla durata del sintomo.

La tosse secca è caratterizzata dall’assenza di catarro, la tosse produttiva (detta anche “grassa”) è caratterizzata dalla presenza di catarro e spesso, quest’ultima rappresenta la normale evoluzione di una iniziale tosse secca.

Si distinguono poi, la tosse acuta, tipica della stagione invernale, che dura meno di 3 settimane e si associa di frequente a un’infezione virale delle prime vie aeree, e la tosse cronica, che persiste per un periodo più lungo.

La medicina omeopatica dispone di diversi prodotti per la tosse, quelli prescritti più frequentemente nella tosse secca di origine laringo-tracheale sono Bryonia 7 CH per la tosse secca con bruciore retrosternale, aggravata dal movimento, con sete intensa e Spongia tosta 7 CH per la tosse molto secca con tonalità acuta, migliorata dalle bevande calde; per le crisi di tosse notturna, secca, con timbro rauco e profondo, che provoca risvegli e fastidio, è consigliabile Drosera 9 CH.

Anche i medicamenti per la tosse catarrale sono numerosi, per esempio Ipeca 7, quando sono presenti accessi di tosse con secrezioni vischiose, che provocano sensazione di nausea e qualche volta vomito, più facilmente nei bambini. Esistono poi soggetti, in particolare anziani e bambini, che presentano il quadro di Antimonium tartaricum 9 CH, caratterizzato da tosse produttiva abbondante, con espettorazione facile e astenia.

In commercio, esistono poi sciroppi omeopatici che contengono miscele di medicinali omeopatici riconosciuti per la loro azione sull’irritazione delle vie aeree, privi di effetti collaterali noti, non provocano sonnolenza e possono essere assunti anche in concomitanza con altre terapie.

In particolare Stodal, sciroppo omeopatico che rappresenta una terapia efficace per curare tutti i tipi di tosse. Negli adulti la posologia è di 1 cucchiaio 3-5 volte al giorno, mentre nei bambini la posologia è di un cucchiaino 3-5 volte al giorno.

Stodal è presente anche nella forma farmaceutica in granuli, la cui posologia è di 5 granuli ogni ora, diradandone l’assunzione in base al miglioramento dei sintomi.

Per gli sciroppi che contengono sostanze mucolitiche, l’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, ha adottato un provvedimento restrittivo che ne vieta l’uso nei bambini al di sotto dei 2 anni di età. Gli sciroppi omeopatici, invece, non contengono questo tipo di sostanze e possono quindi essere somministrati con sicurezza anche ai bambini di età inferiore ai 2 anni.

È fondamentale ricordare che la tosse è un sintomo comune a malattie di ben diversa gravità e prognosi, quindi, se dopo qualche giorno di trattamento non migliora, è opportuno rivolgersi al medico per una corretta diagnosi e terapia.

Si ringrazia per la consulenza il Prof. Edoardo Felisi, Pneumologo, esperto in e docente di Medicinali omeopatici presso la Facoltà di Farmacia dell’Università degli Studi di Pavia.

Articolo precedente dello Speciale
Raffreddore: i rimedi omeopatici
Articolo successivo dello Speciale
Cura omeopatica a sinusite frontale e mascellare

Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com