pianetadonna.it

Proprietà benefiche dei semi di zucca

Ricchi di proteine (18,7%) e carboidrati (24 %), i semi di zucca sono altresì ricchi di sali minerali, zinco e fosforo. Per quanto riguarda i principi attivi fondamentali contenuti in questi semi, troviamo le cucurbitine, i delta steroli, le fitosterine, le globuline vegetali, oltre alle vitamine F ed E.

Queste ultime svolgono un’azione protettrice delle membrane cellulari e un’azione antiossidante, specie la vitamina E abbinata al selenio, che nei semi di zucca è ben rappresentato.

A tali principi attivi è inoltre riconosciuta un’azione preventiva verso i disturbi dell’apparato urinario, sia maschile che femminile, come cistiti, infiammazioni della vescica causate dall’esposizione al freddo, debolezza e irritabilità della vescica (anche quella di origine nervosa), catarro vescicale, incontinenza, enuresi notturna.

La presenza dei semi di zucca nella dieta quotidiana può quindi costituire una buona prevenzione nei confronti di tutti questi disturbi. Inoltre, la cucurbitina vanta anche proprietà antiparassitarie, specie sulla tenia, della quale favorisce il distacco dalla parete intestinale, facilitandone così l’eliminazione.

Una volta essiccati, i semi di zucca possono essere spellati e mangiati crudi, oppure leggermente tostati o cotti al forno; sono un ottimo snack e si prestano ad essere serviti con gli aperitivi o per arricchire la prima colazione. Il decotto che se ne ricava, simile ad una orzata, concilia il sonno e lenisce anch’esso le irritazioni delle vie urinarie.

Infine, si può anche ricorrere a prodotti erboristici o integratori alimentari contenenti i semi della zucca o un loro estratto, oleoso oppure secco; il nome dei vari prodotti può contenere la parola “prosta” per ricordarne l’uso più noto.