pianetadonna.it

Pelle dei bambini: curarla con rimedi naturali

La pelle dei bambini è più delicata e sensibile, e le reazioni messe in atto da un fisico giovanissimo sono maggiori e più intense di quelle di un adulto o un anziano. Ecco perché sono soprattutto i bambini a soffrire di irritazioni della pelle e di eritemi.

L’eritema è una forma di dermatite che insorge solitamente nei neonati: a causarlo è infatti il pannolino, l’umidità e gli agenti irritanti coi quali resta a contatto la pelle delle parti intime. Questo perché la cute del neonato non è ancora capace di creare quella barriera protettiva formata da acqua e grasso – il cosiddetto film idrolipidico – destinata a rafforzarsi con la crescita. Poi ci sono le irritazioni dovute all’esposizione ai raggi solari e agli agenti atmosferici come freddo e vento, che possono colpire la pelle ma anche labbra e occhi.

Questi problemi possono essere affrontati con numerosi rimedi, tuttavia non tutti sono adatti ai bambini: alcuni sono troppo aggressivi e rischiano di provocare reazioni allergiche e ipersensibilizzazione della cute, compromettendo l’efficacia di altri eventuali trattamenti.

Tra le piante più indicate a curare la pelle dei bambini troviamo in primo luogo la camomilla, con le sue proprietà lenitive e decongestionanti che, grazie alla sua grande tollerabilità a livello cutaneo, trova numerosi impieghi nei prodotti in crema per i più piccoli e per le pelli particolarmente delicate.

Molto efficace è anche la calendula che, come la camomilla, è in grado di contribuire alla rigenerazione dell’epidermide e del derma, stimolando il metabolismo cutaneo, la microcircolazione, e svolgendo un’azione antinfiammatoria. La calendula può essere utilizzata anche sulla pelle secca o screpolata e trova applicazione in prodotti idratanti e doposole.