pianetadonna.it

Le patate contro il gonfiore agli occhi

Capita assai di frequente, soprattutto in questo momento di oscillazione tra caldo e freddo e di malesseri causati dai disturbi stagionali, di svegliarsi al mattino con gli , gonfi ed arrossati.

E non parliamo poi di quei casi (ed alzi la mano chi può tirarsene fuori), in cui dopo “nottate brave” ed ore inevitabilmente sempre più piccole, ci svegliamo, magari costrette ad andar a lavoro, e guardandoci allo specchio non possiamo che avere una smorfia di serio disgusto per il nostro sguardo, privo del minimo segno di vitalità.

Il gonfiore agli occhi è sicuramente uno dei problemi antiestetici che affligge maggiormente le donne, poichè immediatamente visibile e quasi del tutto impossibile da camuffare tra correttori, ciprie e fondotinta.

Ma non disperate, perchè una volta chiarite le cause di tale fastidioso nemico della nostra bellezza, è possibile correre ai ripari, con pochi gesti semplici ed efficaci.

Pronto intervento contro gli

E’ importante, innanzitutto, capire cos’è che provoca il gonfiore agli occhi, ponendo attenzione anche alla frequenza con cui si manifesta il problema.

Tra le varie cause possibili, può esserci una determinata predisposizione genetica, che porta il nostro contorno occhi, a trattenere una percentuale maggiori di liquidi rispetto alla norma.

In questi casi, il fenomeno è pressoche presente in maniera costante e tende ad accentuarsi con l’avanzare dell’età, quando i tessuti epidermici tendono a divenire più rilassati ed a cedere, sotto il peso dei liquidi presenti a livello capillare.

In questi casi, si può tentare di migliorare il problema estetico con l’utilizzo di integratori e prodotti specifici, che favoriscano l’assorbimento dei liquidi in eccesso e rendano più forti ed elastici i tessuti sotto l’occhio.

Attenzione nei casi in cui il gonfiore appare improvviso e tende ad aumentare con il passare delle ore. Quasi certamente si tratta di un fenomeno di reazione allergica, per il quale è fondamentale l’intervento medico ed un’adeguata terapia cortisonica.

1
2

Continua la lettura »