pianetadonna.it

L’autoipnosi per alleviare i dolori del parto

Da sempre il parto, per una donna, rappresenta un momento cruciale della propria vita, un momento che spesso, soprattutto in passato, veniva visto con paura e timore, a causa dei dolori più o meno intensi che accompagnano il travaglio e la nascita del bambino.

Se da qualche anno le nuove tecniche adottate sono comunque riuscite a ridurre significativamente questo problema ( un esempio è il con ), resta comunque il fatto che queste tecniche prevedono l’uso di farmaci anestetici, con i possibili effetti collaterali che si possono manifestare soprattutto per le pazienti sensibili ed allergiche. Ora, invece, dall‘Inghilterra arriva una nuova tecnica che potrebbere in qualche modo rivoluzionare l’approccio al parto.

A breve, infatti, partirà una sperimentazione condotta  negli ospedali di Blackburn e Burnley, dove circa 800 donne in dolce attesa saranno guidate dal professor Soo Downe, specialista in ostetricia all’Università Central Lancashire, in un percorso per apprendere le tecniche di autoipnosi da utilizzare poi al momento del parto.

Grazie all’autoipnosi, infatti, le donne potranno auto indurre uno stato di profonda rilassatezza, producendo addirittura endorfine grazie a particolari tecniche di massaggio, in modo da ridurre in modo significativo i dolori dovuti al travaglio.

Una possibilità molto interessante che, se dovesse risultare efficace, permetterà di sostituire i farmaci anestetizzanti, senza considerare che la stessa autoipnosi, ovviamente, non presenta effetti collaterali.

Downe è particolarmente ottimista sui risultati di questo studio, ricordando come anche in altri ambiti della medicina l’autoipnosi è una tecnica ormai collaudata, capace di ridurre o addirittura eliminare altri disturbi, sia fisici che psicosomatici.