pianetadonna.it

Giappone, iodio radioattivo nel mare di Fukushima

Continuano le cattive notizie da Fukushima, .

Dopo gli altissimi livelli radioattivi registrati nell’acqua e la fuoriuscita di plutonio intorno ai reattori in panne della centrale, è stato riscontrato nel mare, 300 metri a largo delle coste di Fukushima, un tasso di iodio 131, altamente radioattivo, 3.355 volte superiore al limite consentito.

A rendere nota la notizia è stata l’Agenzia per la Sicurezza Nucleare Giapponese, che, per voce del vicedirettore generale Hidehiko Nishiyama, ha anche escluso pericoli per la popolazione, che è stata evacuata. Nella zona era attivo già da tempo il divieto di pesca. Parallelamente si è appreso che il presidente della Tepco, Masataka Shimizu, è stato ricoverato in ospedale per problemi cardiaci, di cui, si dice, soffrisse da tempo, e che lo avevano portato letteralmente ad eclissarsi nei confronti dei media nei giorni dell’emergenza.

Infine il premier giapponese Naoto Kan ha confermato, in una telefonata, la terza, con il presidente americano Barak Obama, la volontà del Giappone di continuare a lavorare a stretto contatto con gli Stati Uniti per fronteggiare l’emergenza nucleare.

Dal canto loro, gli USA hanno confermato che garantiranno il massimo supporto, ora ed in futuro, al popolo giapponese per uscire dalla crisi.


Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com