pianetadonna.it

Falak, la bambina indiana sbattuta contro un muro e presa a morsi

E’ una bambina indiana di soli due anni e già conosce il dolore e la sofferenza che gli esseri umani, purtroppo, sanno infliggere agli indifesi e gli innocenti. E’ attualmente abbandonata in un ospedale di New Delhi, nel reparto di rianimazione dal 18 gennaio, dove è stata portata, mentre versava in condizioni disperate, da una ragazza di quindici anni.

Ha fratture multiple alle braccia e al cranio, i medici stanno compiendo un miracolo per salvarla, anche se si teme che i danni al cervello possano essere molto gravi e irreversibili. Ha anche avuto un collasso cardiaco. Questi danni sono la conseguenza della tortura alla quale è stata sottoposta da veri e propri “mostri”, i quali hanno aggredito brutalmente la piccola sbattendola contro un muro (o a terra) e prendendola a morsi. I dottori stessi sono rimasti impressionati dalle condizioni della bimba, affermando di non aver mai visto un neonato martoriato in quel modo e con così tante ferite.

Le infermiere del nosocomio indiano l’hanno chiamata Falak che significa “cielo” e la sua storia sta facendo il giro del mondo, dopo che la notizia è rimbalzata velocemente su tutti i giornali, televisioni e siti web dell’India. Tutti restano ancora con il fiato sospeso perchè, purtroppo, non è ancora fuori pericolo a 10 giorni dall’aggressione.

Nel frattempo gli inquirenti sono alla ricerca dei genitori o addirittura di trafficanti di bambini. Le indagini per adesso hanno fatto emergere una terribile storia di sfruttamento di minori a carico della 15enne che ha portato Falak in ospedale. Attualmente è stata messa in un riformatorio.
Pare che la piccola le sia stata consegnata da un tassista 21enne di Mumbay con il quale conviveva e che la violentava ripetutamente. Gli investigatori sono ora alla ricerca di quest’uomo per fare luce sulla questione ed è stata anche avviata un’inchiesta da un ente governativo, la Commissione per Protezione dei diritti dell’Infanzia, in collaborazione con la polizia indiana.


Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com