pianetadonna.it

Eiaculazione precoce: spesso è colpa della masturbazione in adolescenza

L’ è il principale disturbo sessuale che colpisce gli uomini italiani, ne soffre quasi un adulto su tre e nella maggior parte dei casi le vittime della disfunzione fanno finta di nulla e non si rivolgono ad un esperto per cercare una soluzione al problema.

Questo è il quadro che è emerso dal congresso annuale della Società Italiana di Andrologia (Sia), che si conclude oggi a Fiuggi. Secondo gli andrologi questo disturbo nasce nell’adolescenza ed è legato, nella stragrande maggioranze dei casi, alla masturbazione.

Capita infatti spesso che i ragazzi pratichino l’autoerotismo sotto pressione, per il timore di essere scoperti, cercando di raggiungere l’orgasmo il più velocemente possibile, scongiurando il rischio di essere sorpresi dai genitori. Così facendo però, alla lunga perdono il controllo sull’eiaculazione, fattore che poi con il tempo si trasforma in una vera e propria disfunzione sessuale.

Secondo alcuni studi che confermano questa teoria, la stragrande maggioranza di coloro che soffrono di eiaculazione precoce ha ammesso di essersi masturbata in bagno e di fretta quando adolescente. Al contrario chi poteva permettersi di prendersela con calma, magari al letto e senza pressioni, da adulto è apparso più in grado di gestire un rapporto sessuale.

Per queste ragioni gli andrologi puntano su una maggiore educazione sessuale dei ragazzi e delle loro famiglie, unico modo per risolvere il problema alla base. Inoltre maggiore informazione nei loro confronti andrebbe fatta per quanto riguarda l’andare dall’andrologo, figura professionale che a quanto pare non è sentita come necessaria, al contrario del ginecologo per il sesso femminile.


Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com