pianetadonna.it

Donne più intelligenti più disposte a provare le droghe

Le donne con un quoziente intellettivo più alto hanno più probabilità di assumere , come cannabis, cocaina ed ecstasy, intorno ai trent’anni.

Ad affermarlo è stato il dottor James White, studioso della Cardiff University, in Galles, che ha scoperto che le donne con un più alto QI avevano in media il doppio delle probabilità di assumere marijuana, anfetamine, cocaina ed ecstasy, rispetto alle loro coetanee trentenni con quoziente intellettivo minore.

Il dottor White ha analizzato i dati raccolti da uno studio risalente al 1970, condotto su un campione di 8.000 persone, alle quali era stato misurato il QI all’età di 5 e 10 anni. Successivamente a queste persone era stato fatto compilare un questionario, all’età di 16 anni prima, e 30 anni poi, nel quale si chiedeva loro se avessero assunto alcuni tipi di droghe.

I risultati dello studio, pubblicato sulla rivista Journal of Epidemiology e Community Health, hanno mostrato che le donne di 30 anni di età, che avevano un QI compreso tra 107 e 150 e dunque superiore a quello medio, considerato intorno a 100, erano ricorse agli stupefacenti due volte in più rispetto alle coetanee con QI uguale o inferiore a 95. Anche negli uomini è stata riscontrata questa tendenza, tuttavia con una minore forza.

La ragione risiederebbe nella maggiore propensione a compiere esperienze nuove, che le renderebbe più disposte a provare queste sostanze illegali. “Se dovessimo ipotizzare una ragione – ha dichiarato il dottor White – potremmo azzardare che le persone con QI elevato tendano ad essere più aperte a nuove esperienze”.


Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com