pianetadonna.it

Dimagrire: per mangiare di meno basta usare l’altra mano

Snack e spuntini da sgranocchiare davanti alla tv, durante il lavoro o sui libri, contribuiscono non poco all’aumento di peso.

Mangiare questi , quasi sempre fuori pasto e in determinate situazioni, è un’abitudine che spesso diviene incontrollabile, come se davvero il nostro corpo non potesse fare a meno di dire basta.

Alcuni ricercatori americani hanno dato una spiegazione plausibile a questo fenomeno, che ci porta ad accumulare chili su chili. Secondo David Neal, della University of Southern California, “quando abbiamo mangiato ripetutamente un particolare cibo in un ambiente specifico, il nostro cervello tende ad associare il cibo con l’ambiente e ci fa continuare a mangiare fino a quando questi segnali ambientali sono presenti”.

Per confermare la loro tesi e cercare un modo per eliminare questi segnali ambientali, i ricercatori hanno condotto due esperimenti. Nel primo hanno dato ad 89 soggetti, seduti a guardare un film al cinema, dei cestelli contenenti pop corn, alcuni appena fatti e altri di diversi giorni prima. I soggetti erano soliti consumare questo alimento ogni volta che andavano a vedere un film. Ebbene, tra di loro, non ci sono state variazioni nelle quantità mangiate, che si trattasse di pop corn freschi o stantii.

In un successivo esperimento è stato chiesto ad alcuni di mangiare con la mano che usavano abitualmente e ad altri di utilizzare l’altra. Questa volta chi non aveva usato la mano con cui era solito mangiare aveva consumato una minore quantità di pop corn.

I ricercatori hanno concluso che probabilmente cambiare mano fornisca uno stimolo diverso al cervello, che lo porta a non attuare i consueti meccanismi che si innescano in predeterminate situazioni. Provare per credere.


Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com